Mappare il futuro

LInstitute for the Future di Palo Alto in California è un gruppo di ricerca no profit, un think tank indipendente, che da oltre 40 anni collabora con agenzie governative, organizzazioni, imprese e fondazioni di tutto il mondo per aiutarle a prendere decisioni più mirate, e perché no, migliori, riguardo il futuro. Il loro è un approccio globale verso una pianificazione strategica di lungo termine che crei link tra le macrotendenze e gli interessi particolari. Dalla decisioni che riguardano aspetti della vita quotidiana, allo sviluppo tecnologico e sociale, dalla salute ai trend di business mondiale fino ai fattori che possono cambiare le preferenze dei consumatori. Pubblicano anche tutta una serie di rapporti e mappe sulle tecnologie future, la salute e l’organizzazione sociale. La Mappa del Decennio vede il futuro come un gioco ad alta risoluzione. Mai come adesso infatti l’umanità è stata in grado di analizzare l’ambiente circostante così in dettaglio e misurare al tempo stesso le forze del cambiamento su così vasta scala. La mappa ci invita a sfidare le forze che plasmeranno la prossima decade (la carbon economy, l’ecologia dell’acqua, il potere dell’adattamento, la trasformazione delle città e l’identità molecolare), in un gioco strategico col futuro per esplorare possibili strategie che puntino alla capacità di ripresa, al retaggio, alla felicità. La mappa sulla Robot Renaissance esplora invece il futuro del dell’interazione uomo/macchina e prevede che nei prossimi dieci anni gli esseri umani condivideranno ospedali, scuole, case e campi di battaglia con una nuova razza da compagnia: una rinascimento dei robot è ormai in corso.

(di Claudia Tani)