Siete tutti invitati alla cena dei creativi

Siete tutti invitati alla cena dei creativi

Magari siete in Liguria a La Spezia e magari siete invitati come è successo a MEMO alla cena dei creativi. Obbligatorio accettare l’invito ma ancora più obbligatorio capire di cosa si tratta. Prima di tutto la notizia.
Nell’ambito della mostra “Mettiamoci la faccia. Artisti della città al museo” – prima azione di un più ampio progetto di mappatura degli studi degli artisti presenti nella città ligure, il CAMeC, il Centro Arte Moderna e Contemporanea della Spezia, lancia una call rivolta ai creativi per il primo food raising cittadino. La cena dei creativi per l’appunto si terrà negli spazi del Centro venerdì 18 dicembre alle 20.
Ma cos’è la cena dei creativi?
Una cena, la presenza di artisti e creativi, il voto dei commensali. Questa è l’estrema sintesi delle iniziative di ‘food raising’.
Nate in USA, col nome di Sunday Soup, con l’obiettivo di supportare con piccoli finanziamenti i progetti creativi, le iniziative di food raising si stanno sviluppando anche in Italia.
L’endemica difficoltà di trovare risorse (pubbliche o private) per realizzare i propri progetti, ha sviluppato la fantasia nel cercare modi diversi per rispondere, almeno in parte, a questo problema. Il food raising è uno di questi.
È un meccanismo decisamente facile e divertente: si selezionano dei progetti che hanno il giusto equilibrio di creatività e spirito imprenditoriale, si organizza una cena con persone appassionate d’arte e di cultura in genere. I creativi presentano i loro progetti e al temine della cena i commensali votano l’idea che li ha convinti di più.
Il progetto più votato si aggiudica l’incasso della cena (al netto delle spese vive di organizzazione). Unico obbligo del vincitore sarà quello di rendicontare ai soggetti organizzatori della cena l’uso delle risorse raccolte.
Certo, il ricavato di una cena non risolve le difficoltà economiche di un progetto artistico ma rappresenta un’iniezione di fiducia importante: è una modalità per far conoscere l’idea, per creare relazioni diverse, per testare un’iniziativa.

Buon appetito e buone idee.

Per saperne di più www.laspeziacultura.it