Malgrado tutto sarai Bellissima

La Cooperativa Doc(k)s si dedica all’elaborazione di strategie di indipendenza culturale. Una rete di intelligenze provenienti dalle più diverse professioni, docenti universitari, artigiani, editori capace di promuovere iniziative per valorizzare le produzioni indipendenti. Bellissima, la fiera dedicata ai libri e alla cultura indipendente (Milano, Palazzo del Ghiaccio 18-20 marzo) è un loro format. Ce ne parla Sergio Bianchi, vicepresidente di Doc(k)s e direttore editoriale della casa editrice DeriveApprodi.

“Con Bellissima vogliamo mettere in relazione l’editoria indipendente con altre produzioni culturali, come il fumetto, il cinema, il teatro e le arti visive. Non solo una fiera quindi ma un vero e proprio festival della produzione culturale indipendente capace di generare incontri, alleanze, confronti e soprattutto di porsi delle domande. Una su tutte. Che senso ha parlare oggi di indipendenza all’interno del mercato culturale italiano?
La risposta non è scontata, ma è necessaria e per molti aspetti urgente: “È in atto un processo evidente di continua ed inarrestabile concentrazione monopolista capace di generare solo realtà egemoni sul terreno della produzione, della distribuzione e della promozione”. Quella che in gergo viene definita bibliodiversità, la diversificazione cioè della produzione editoriale, viene messa così in crisi da un mercato sempre più chiuso, sempre più concentrato, sempre più difficile. “Quando si parla di editoria indipendente non ci si riferisce necessariamente a piccoli editori. Non è vero che piccolo è bello. Ciò che è piccolo spesso è limitato. Una cosa piccola è piccola.  Le condizioni che definiscono l’indipendenza sono la qualità e la libertà. La condizione di monopolio elimina il confronto, limita la libertà e abbassa la qualità della produzione”.
Eppure fare l’editore malgrado la crisi, i numerosi fallimenti e le difficoltà di fare impresa sempre indebitati con le banche, continua ad essere una attività ambita: “La stragrande maggioranza della piccola editoria vive dentro una bolla. Tira a campare, spesso si tratta di un’attività miserabile. È fascinosa perché il capitale necessario che occorre per partire è inferiore a qualsiasi altra impresa e ha l’indubbio vantaggio di metterti in tasca una biglietto da visita dove la parola editore conferisce ancora uno status sociale elevato”. Biglietto da visita a parte, la realtà parla di case editrici che nascono e muoiono come funghi, di scontistiche applicate dalla distribuzione impossibili da sopportare, di circuiti di librerie dove a sopravvivere sono solo le grandi catene e a rischiare di chiudere tutte le altre: “Gli editori indipendenti da soli non ce la possono fare. Devono costruire reti, alleanze, una reale rappresentanza sindacale e una discussione autentica sulla definizione di produzione di qualità. E lo devono fare in fretta”. Tutto questo è Bellissima.

BELLISSIMA 2016
Palazzo del Ghiaccio – Milano – 18-20 marzo

Curata dalla cooperativa Doc(k)s – Strategie di indipendenza culturale con il patrocinio del Comune di Milano, Bellissima è una fiera di libri e cultura indipendente che però mira a superare il concetto di “fiera di categoria” incentrata sulla presentazione delle novità e mirata alla vendita di libri, presentandosi più come una possibilità di incontro e di confronto tra diversi attori della filiera editoriale italiani e internazionali che insieme cercano di sviluppare un dialogo costruttivo su temi che riguardano chiunque partecipi da indipendente al mondo della cultura, dall’innovazione ai diritti dei lavoratori culturali, dall’apertura a nuovi pubblici alla sharing economy. Oltre 60 gli editori partecipanti, tra cui Sellerio per la narrativa, Lindau, DeriveApprodi e Quodlibet per la saggistica, Johan&Levi e Contrasto per quanto riguarda l’editoria d’arte e la fotografia. Tra le case editrici straniere, la berlinese Archive Books, gli editori tedeschi b_books, Errant Bodies, Sternberg Press e Spector Books e i britannici AA Publication, Mute, Occasional Press e Bedford Press. Ricchissimo poi il programma di eventi, incontri, presentazioni che scandiranno i 4 giorni di fiera.

.

testate FB-01