Quelle piccole sculture a forma di libro che raccontano la grandezza del mondo

Quelle piccole sculture a forma di libro che raccontano la grandezza del mondo

In una libreria vedo una scultura in legno con su scritto “I Liber del Ceppi” che raffigura decine di libri disordinatamente ordinati nello spazio e nel tempo. In mezzo ai libri vedo anche un mappamondo. Sembra quello che avevo nella mia cameretta da ragazzino quando immaginavo di girarlo tutto da solo, quel mondo colorato. La scultura mi piace e decido di raccontare la creatività di chi l’ha scolpita. Entro in contatto con lui. Mi arrivano le foto, mi arriva la biografia. La leggo. Racconta di un uomo capace di parlare il linguaggio del legno, un uomo felice ferito dal destino che gli ha portato via la sua bambina. Un giorno dopo tanto tempo, si fa coraggio e riapre la porta della sua cameretta rimasta vuota e rivede quel meraviglioso disordine di libri lasciati lì per caso intorno ad un piccolo mappamondo. Vi lascio in compagnia della sua biografia e delle sue opere. (Paolo Marcesini)

Vi racconto come nasce la mia “S’cultura nel mondo

di Pierpaolo Ceppi

Nel 1956 a Birago una frazione di Lentate sul Seveso (oggi Monza Brianza ma allora provincia di Milano) nasco. Fin da piccolo il legno ha sempre fatto parte della mia vita e dopo le scuole imparo il mestiere di intagliatore nella bottega di famiglia. Questa attività per un lungo tratto della mia vita diventa una passione e i vari stili dei mobili diventano per me la quotidianità. Durante il mio percorso creativo imparo il linguaggio del legno (materia sempre viva) e mi spinge a sperimentare nuove forme di lavoro.
Comincia per me un periodo particolarmente difficile, conseguenza della perdita della parte più importante nella vita di un genitore e ciò provoca in me dolore, tristezza, impotenza, questi fattori, ritengo, saranno inconsapevolmente la base della mia ispirazione. Una sera decido di aprire una porta che da tempo ormai non varcavo: quella della camera di mia figlia.
Con lo stomaco che mi si contorce, entro e rivedo le sue cose, i suoi libri in disordine, il suo mappamondo e in quel momento come fosse un regalo nasce in me la consapevolezza di far rivivere la sua voglia di libertà.
Nasce così la “S’cultura nel mondo”, pezzi unici fatti interamente a mano con un mondo e dei libri per avvalorare l’idea che la cultura unisce i popoli e le varie religioni

Nella parte inferiore sono impresse due lettere: M e L
M sta per Magda, mia figlia
L sta per Libertà
La libertà che la cultura può dare a ogni popoloCultura il sapere dell’uomoLibertà un bene immenso