Il “poetico” potere dei libri secondo Jean-Marc Godès