Facefood, quando una terra rinasce grazie al sorriso (fotografato) dei suoi sapori e di chi li crea

Facefood
Angela Amico, Diego, Camillo e Lillino Silibello, Ristorante “Cibus” - Ceglie Messapica (BR) copyright F&Co

Facefood non è solo un libro (edito da Besa editrice di Nardò) e una mostra fotografica (al Palazzo delle Arti Beltrani di Trani), ma il racconto di un’idea, quella di mostrare il volto, gli occhi, il sorriso e le mani di chi il cibo lo “costruisce”, tutti i giorni. Perché dietro a ogni un buon piatto che ci viene servito al tavolo di un ristorante ci sono sempre grandi persone che prima lo hanno pensato, coltivato, allevato, trasformato e soprattutto cucinato.

Tutto questo avviene in Puglia, il luogo ideale per intraprendere un viaggio davvero speciale alla ricerca del buon gusto.

Facefood, quando una terra rinasce grazie al sorriso (fotografato) dei suoi sapori e di chi li crea

Emanuele Natalizio, Ristorante “Il Patriarca” – Bitonto (BA) copyright F&Co.

Mesi e mesi di pandemia, che hanno prostrato il settore della ristorazione, hanno fatto nascere la convinzione che la ripresa doveva essere aiutata in ogni modo a partire dall’esibizione della bellezza del gusto e del saper fare dei suoi protagonisti.

L’iniziativa, promossa dall’associazione Tummà grazie anche al supporto del gruppo Megamark, ha preso forma sulle esperienze di Vittorio Cavaliere, talent scout, critico gastronomico e profondo conoscitore del mondo del gusto, descritte come in un percorso da nord a sud, alla ricerca delle eccellenze enogastronomiche. Il percorso di Cavaliere è stato seguito dai fotografi Franz Gustincich e Claudio Auriemma, dell’agenzia di marketing visivo F&Co, specializzata in enogastronomia, che lo hanno documentato per immagini.

Facefood, quando una terra rinasce grazie al sorriso (fotografato) dei suoi sapori e di chi li crea

Felice, Roberto e Riccardo Sgarra, Ristorante “Casa Sgarra” – Trani (BT) copyright F&Co.

“Questo è il diario di un viaggio nel quale abbiamo dismesso i nostri abituali abiti di fotografi di Food, per indossare nuovamente quelli di reporter e ritrarre visi e gesti di chi di questi prodotti ne fa arte”(Claudio Auriemma)

“Il nostro lavoro è trasformare in immagini gli aromi e i sapori, e raccontare il buon cibo – dice Franz Gustincich – ma per questa volta abbiamo voluto narrare gli autori della gastronomia e dei sapori pugliesi, coloro che sono dietro al successo enogastronomico della regione”.

Facefood

Gianvito Matarrese

L’esposizione conta 49 fotografie di grande formato, che raccontano uno straordinario viaggio di scoperta tra alcuni dei personaggi che tengono alto il vessillo dell’enogastronomia pugliese. Leggiamo dalla quarta di copertina del libro: “Una galleria di ritratti, assolutamente parziale (troppi altri meriterebbero di essere inclusi, ma ci riserviamo una successiva pubblicazione), ma rappresentativa dell’eccellenza che la Puglia ha saputo imporre nel mondo. Facefood è, quindi, solo un breve tratto del cammino che Cavaliere ha percorso nel fantastico mondo del gusto e che ha voluto condividere con tutti. Franz Gustincich e Claudio Auriemma, ricalcando le orme del loro amico gastronomo, si sono cimentati nel ritrarre chef, patron e produttori, per i quali avevano già reso fotograficamente i loro sapori”.

Facefood

Facefood, Trani, Palazzo delle Arti Beltrani, 10 agosto –  5 settembre 2021.

Trani – Palazzo delle Arti Beltrani
fino al 5 settembre 2021
Orari dal martedì alla domenica ore 10,00-13,00 e 16,00-20,00
Ingresso con prenotazione obbligatoria
Intero 6 €, ridotto 4 €
Esposizione di 49 fotografie di grande formato, con testi esplicativi

Sponsor
Gruppo Megamark – dok supermercati e Famila (Trani)
Matarrese Grandi Impianti (Alberobello)
Eccelsa  – Istituto superiore del (Alberobello)
Cantine Polvanera (Gioia del Colle)
Mucci Confetti (Andria)