I mestieri del turismo: il lavoro di ricerca. Maria Grazia Deri: “un percorso che mi ha condotto sin qui, attraverso il connubio fra determinazione, impegno e serendipity”

ricerca

Pubblichiamo l’intervento di una giovane ricercatrice, Maria Grazia Deri, che racconta agli studenti di Fondazione Campus di Lucca la sua esperienza di crescita e di inserimento nel mondo del lavoro.

di Maria Grazia Deri

Il mio percorso di formazione turistica ha inizio nel 2009, primo anno di studi universitari, dapprima triennale, in Scienze del Turismo, e a seguire Magistrale, in Progettazione dei Sistemi Turistici Mediterranei presso la Fondazione Campus di Lucca.

Gli studi accademici, insieme alle diverse esperienze professionali che ho maturato nel settore turistico, mi hanno fornito le basi teoriche e gli strumenti metodologici per l’approfondimento dei campi di studio del turismo sostenibile, culturale e digitale, attraverso il mio coinvolgimento diretto in ambienti di lavoro quali: studio e ricerca nell’ambito della progettazione europea, analisi dei dati socio-economici dei territori a vocazione turistica, organizzazione di eventi culturali e di percorsi turistici.

ricerca

Nel 2016, dopo aver terminato gli studi universitari, ho iniziato un tirocinio presso la Fondazione Campus di Lucca con la Professoressa Enrica Lemmi e un anno dopo svolgevo le mie prime attività lavorative nell’ambito della progettazione europea, partecipando ai primi convegni scientifici, con l’obiettivo di intraprendere un percorso di ricerca dottorale, quale primo step verso la carriera universitaria. Dopo numerose attività di ricerca di matrice economica, sociale e culturale, applicate al turismo, ho scelto di continuare a fare questo lavoro perché mi dà l’opportunità di sviluppare la conoscenza delle materie turistiche affrontate durante i miei studi universitari e che trovano concreta applicazione nella ricerca scientifica. Conoscere il mondo del turismo, nelle sue variegate dinamiche, è anche un modo per aggiornarmi in merito alle prospettive evolutive di un settore che offre molteplici spunti di lavoro.

Dal mio punto di vista, lo studio del settore turistico, quale ambito variegato, eterogeneo e dinamico, mi ha permesso di acquisire alcune solide basi di approfondimento scientifico in diversi campi di ricerca che afferiscono al mercato del turismo, sia in chiave teorica che in chiave empirica. Attualmente sto completando il mio percorso di ricerca dottorale in Migrazioni e Turismo di ritorno presso il Dipartimento di Scienze Politiche e ho recentemente conseguito il titolo di Executive Master in Management dello Sviluppo Turistico Territoriale, organizzato da Touring Club Italiano e Fondazione Campus Lucca. La mia passione per il mondo del turismo e, in particolar modo, per il Management e la promozione della destinazione turistica, è il motore che mi ha spinto a continuare a studiare, e a trasformare la mia curiosità in una continua ricerca che fosse stimolante sotto il profilo professionale; un percorso che mi ha condotto sin qui, attraverso il connubio fra determinazione, impegno e “serendipity”.

ricerca

Secondo la mia esperienza diretta, le difficoltà che caratterizzano un simile percorso professionale sono essenzialmente correlate alla necessità di cogliere le opportunità che il mondo della ricerca mette a disposizione, le quali sono solo parzialmente prevedibili. In effetti, oltre alla forte motivazione professionale e personale, chi vuole intraprendere questo tipo di carriera deve necessariamente avere una buona dose di pazienza e di determinazione, al fine di raggiungere gli obiettivi prefissati e, grazie alla passione per lo studio. Tra 10 anni vorrei aver realizzato i miei obiettivi e le mie aspirazioni di carriera, proseguendo il mio percorso accademico, orientandomi verso nuove prospettive di sviluppo.