Il cielo è sempre più blues sopra Seravezza

Blues

Crossroads – Gli incroci del Blues è il titolo della mostra fotografica di Guido Harari, forse il più grande ritrattista musicale della storia, un artista dell’immagine che nel corso della sua carriera ha incontrato e fotografato tutti i più grandi interpreti della scena musicale internazionale e non solo, da Bruce Springsteen a Fabrizio De André, da Tom Waits a Lou Reed, da Paolo Conte a Vinicio Capossela a Bob Dylan e che nel 2011 ha fondato ad Alba, dove risiede, la Wall Of Sound Gallery, la prima galleria fotografica in Italia interamente dedicata alla musica.

BluesInaugurata domenica 4 luglio, l’esposizione è dedicata ai grandi protagonisti del rock e del blues e sarà visitabile fino al 31 agosto nella città di Seravezza, nella frazione di Querceta e nei borghi storici nel cuore della Versilia, ad Azzano, Riomagno e Minazzana. Una mostra che diventa una mappa di immagini e suoni che regalano al paesaggio nuove esperienze e nuove suggestioni.

L’invito di Harari è quello di vivere un viaggio alla scoperta e riscoperta del blues e del rock attraverso una raccolta di 28 maxi-fotografie esclusive scattate in oltre quarant’anni di carriera. L’installazione all’aperto si immerge in un territorio in cui il blues si è diffuso grazie al Seravezza Blues Festival, importante e storica kermesse di musica internazionale, uno dei più importanti appuntamenti musicali dal vivo in Toscana e in Italia.

Il cielo è sempre più blues sopra SeravezzaA causa del Covid quest’anno ci sarà poca musica. Non c’è battito di mani che cresce e si fa continuo, non c’è il vociare chiassoso di un pubblico trepidante sotto al palco; gli ingressi sono contingentati e le persone sono distanti eppure, la musica, risuona potente attraverso quelle immagini di colore blu.

È la musica la vera protagonista “invisibile” degli scatti, fil rouge della mostra; Harari è riuscito a cristallizzare un universo fatto di suoni e note che si mescolano, di rumore, di silenzi e di voci in 28 fotogrammi: un universo infinito dentro uno spazio finito.

Il cielo è sempre più blues sopra SeravezzaRacconta Harari: “Ho selezionato per questa mostra alcuni degli amori di una vita, vecchi leoni del blues (John Lee Hooker, B.B. King, Bo Diddley, Chuck Berry, Buddy Guy), stelle del rock (Eric Clapton, Keith Richards, Jimmy Page, Johnny Winter, Jeff Beck, Carlos Santana, David Gilmour, Neil Young, Bruce Springsteen, Frank Zappa), giovani discepoli (da Willy DeVille a Bonnie Raitt e Tracy Chapman), outsiders di rango (Tom Waits, Ry Cooder, Jeff Buckley), fino agli italianissimi Pino Daniele e Zucchero. Gli incroci del Blues tengono a ribadire la grande lezione di una musica da sempre assolutamente inclusiva. L’anima della musica non ammette steccati. In tal senso, il vecchio Blues arriva dal passato ad indicare l’ineludibile strada per l’unico futuro possibile”.

La scelta di ‘mostra diffusa’, all’aperto e gratuita non è casuale. Così facendo si contribuisce alla valorizzazione del territorio che diventa parte integrante della mostra stessa: il blu dell’immagine si mescola con l’azzurro del cielo, con il verde brillante della natura circostante e con le facciate colorate delle case. La fotografia perde la sua staticità e prende vita all’interno di un ambiente completamente dinamico e ricco di stimoli.

Il cielo è sempre più blues sopra Seravezza
Luigi Grasso, organizzatore dell’esposizione, ha spiegato a tal proposito: “In un periodo di ridotta mobilità, è l’arte che deve andare incontro alle persone. Per questo motivo sono state scelte come location le piazze e le strade non solo dei centri abitati ad alta densità e turismo, ma anche i borghi storici dell’alta Versilia, meno battuti dal turismo di massa”.

La mostra è stata realizzata dall’Associazione Culturale Alexandre Mattei e The Hive Project e finanziata dalla Fondazione Terre Medicee, ente gestore del Palazzo Mediceo di Seravezza, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca, con il patrocinio del Comune di Seravezza, borgo storico della Versilia, che da sempre ospita manifestazioni culturali legate soprattutto al mondo della musica e dell’arte.

Il cielo è sempre più blues sopra Seravezza

Crossroads – Gli incroci del Blues. Mostra fotografica di Guido Harari, Seravezza e borghi della Versilia, 4 luglio – 31 agosto 2021.