Levanto Music Festival – Amfiteatrof. Genova Vocal Ensemble e Bellanöva

Genova

Entra nel vivo la trentesima edizione del Levanto Music Festival – Amfiteatrof, che prosegue nei prossimi giorni con un paio di concerti e un evento collaterale di grande interesse: domani sera, 17 luglio, sarà di scena il Genova Vocal Ensemble sotto la direzione del Maestro del coro Roberta Paraninfo in un concerto che affianca brani in prima esecuzione e classici della musica polifonica, mentre mercoledì 21 avrà luogo il concerto dei Bellanöva, formazione costituita dall’incontro fra un duo di tradizione popolare e due interpreti di formazione classica. Uno di questi musicisti, il violinista e compositore Marcello Fera, sarà protagonista il giorno dopo di un interessante incontro pomeridiano sul rapporto tra musica e territorio.
La rassegna musicale dedicata al violoncellista Massimo Amfiteatrof, di cui MEMO è media partner, si svolgerà in presenza a Levanto fino al 12 settembre 2021 e sarà quasi interamente trasmessa in streaming sulla pagina Facebook del Festival.

Genova Vocal Ensemble

Sabato 17 luglio, Chiesa di Sant’Andrea, ore 21.30

con Roberta Paraninfo (direzione).

Il Genova Vocal Ensemble ha compiuto, nell’ottobre 2020, i suoi primi 25 anni. È la formazione più “antica” dell’Accademia Vocale di Genova: nata nel 1995, racchiude in sé il bagaglio di esperienze didattiche e umane che ne caratterizzano l’operare.

Si tratta di un ensemble che si modula dalla formazione a voci pari a quella a voci miste, a seconda del repertorio proposto, formato da cantori che in maggior parte lavorano insieme sin dall’infanzia. Una così assidua e profonda condivisione di esperienze e conoscenze ha creato una compagine affiatata, dalle qualità riconosciute e premiate in occasione della partecipazione del gruppo a un buon numero di concorsi e festival nazionali e internazionali.

Il Genova Vocal Ensemble ama e si caratterizza per il repertorio a cappella, ma nel corso degli anni ha presentato anche programmi con accompagnamento, trascrizioni originali o composizioni proprie delle voci pari femminili: fra questi vale citare il progetto “Pro Festo Innocentium” composto intorno a Messe e Vespri, che Michael Haydn dedicò all’omonima celebrazione del calendario liturgico. Con una passione spiccata per il repertorio antico, ma caratterizzato da elasticità, curiosità e vivacità, ha dato vita anche a programmi di diverso stile e carattere, dal teatro musicale fino all’esecuzione di prime opere contemporanee.

Il programma si apre e si chiude con un omaggio a Dante, in particolare il primo (di Roberto Brisotto, compositore vivente) è un brano scritto per il GVE e che vede, in questo concerto, la sua prima esecuzione. Anche il secondo brano porta la dedica di Lorenzo Donati al Genova Vocal Ensemble, nella sua “versione” a voci pari. Il restante programma offerto dal gruppo è dedicato al repertorio per le voci miste, in un viaggio attraverso la polifonia rinascimentale, barocca (con due brani di Bach) e romantica, concludendo con il brano di Randall Stroope, che omaggia Dante con quel verso che vuol suonare, ora, per tutti noi, come parola di speranza: “…e quindi uscimmo a riveder le stelle”.

Per maggiori dettagli, è disponibile la scheda del concerto sul sito della rassegna.

Marcello Fera

Bellanöva

Mercoledì 21 luglio, Loggia Medievale, ore 21.30

con Stefano Valla (piffero, voce), Daniele Scurati (fisarmonica, voce), Marcello Fera (violino, arrangiamenti), Nicola Segatta (violoncello).

Bellanöva, letteralmente bella növa bella notizia.

La bella notizia è che la musica possa essere declinata in mille modi diversi, quanti sono gli uomini e le comunità umane che la esprimono.

Bellanöva è il risultato dell’incontro tra il duo di tradizione popolare formato da Stefano Valla e Daniele Scurati e due interpreti di formazione classica, il violoncellista Nicola Segatta e il violinista e compositore Marcello Fera. Quest’ultimo ha rivestito il repertorio tradizionale con le nuove voci destinate agli archi che lo avvolgono e lo intersecano come se si trattasse della trama di un tessuto e lo proiettano in una nuova dimensione espressiva e comunicativa.

Così è avvenuto che le due coppie di strumenti ad ancia e ad arco si siano fuse in un’unica formazione musicale la cui ricerca riguarda il confronto possibilmente vivo e stimolante tra il dettato della tradizione e l’inventiva individuale.

Per maggiori dettagli, è disponibile la scheda del concerto sul sito della rassegna.

Musica e territorio. Marcello Fera

GenovaGiovedì 22 luglio, Auditorium Ospitalia del Mare, ore 18.00

Incontro della rassegna di appuntamenti pomeridiani organizzata da Officine del Levante Incontri, confronti, contorni e dintorni, che riprende e approfondisce i temi del Festival.

Da Merano a Genova, Marcello Fera, che si esibirà la sera prima alla Loggia Medievale con la formazione Bellanöva, racconta il suo lavoro costante e tenace di fare musica, in tante diverse modalità. Un raffinato musicista, capace di interagire con la musica popolare, espressione di territori diversi, in modo accattivante, colto e diretto, pieno di passione e competenza. In tante formazioni sorprendenti.

Per accedere agli eventi in presenza è obbligatoria la prenotazione al numero 3408186956 fino a esaurimento dei posti disponibili. Verrà applicato il protocollo di sicurezza anti Covid-19 vigente e sarà obbligatorio indossare la mascherina.
Gli eventi saranno trasmessi in diretta streaming sulla pagina Facebook del Levanto Music Festival – Amfiteatrof.